Salute e benessere: informazioni e notizie, malattie, uso di integratori naturali, benessere psicofisico, psicologia, e molto altro ancora. Questa è la rubrica che si occupa di te e della tua salute. Capire da cosa derivano i malanni più comuni e cosa si può fare per curare o meglio ancora per prevenire. Salute corporea e dello stomaco. Ti proporrò diete e “rimedi della nonna”. E in alcuni casi la nonna avrà gli occhi a mandorla, visto che mi interesso molto alla medicina cinese. Dunque, proverò a prendermi cura del tuo benessere psico-fisico, spiegandoti come conservarlo in ufficio, a casa e a tavola. Soprattutto al lavoro. Del resto, è noto che lo stress da ufficio si affronta meglio con un corpo sano e le ore in ufficio si sopportano con minore fatica se, per esempio, si adotta la postura corretta alla scrivania. Ricorda: la salute nasce lì dove le persone vivono, lavorano, giocano e trascorrono il loro tempo libero. A casa, all’asilo e a scuola, sul posto di lavoro, nei luoghi di residenza e in tutti gli ambiti di vita in cui le persone sono inserite. Scopri attraverso questa sezione come guarire in modo efficace e possibilmente senza farmaci. Al termine di ogni post, sotto la voce “prodotti consigliati”, vengono proposti i migliori rimedi selezionati appositamente per te. Puoi acquistarli direttamente dal blog al miglior prezzo e con le garanzie e la formula soddisfatti o rimborsati offerta da Amazon.

Quante volte ti capitano indolenzimenti da allenamento errato? Affaticamento che si accumula dopo qualche mese di ginnastica, dolori muscolari che bloccano i movimenti, comprese le possibili microfratture, tendiniti e infiammazioni varie, torcicollo compreso: ne nasce una vera propria “crisi da palestra” e il desiderio di mantenersi in forma per tutto l’anno può passare. Dopo le prime lezioni, l’indolenzimento dei muscoli può essere così fastidioso da fare rinunciare alla pratica sportiva regolare. Si chiamano dolori articolari e muscolari da sport.

Cominciamo col dire che lo sport fa bene. Mantiene elastici, tonici e in forma, ma se non lo si pratica con criterio, può anche provocare danni, specie alle articolazioni. Infatti, l’attività sportiva riduce il rischio cardiovascolare, il peso in eccesso, lo stress e non solo, ma a condizione di sceglierlo e praticarlo tenendo conto delle proprie possibilità, del livello di preparazione atletica e dell’età. Altrimenti, anche per i più allenati può aumentare il rischio di infiammazioni e tendiniti. I frequenti saltelli sullo step o le pedalate durante lo spinning, alla lunga possono provocare disturbi. L’attività sportiva fatta da chi è generalmente sedentario, da chi non svolge attività da molti mesi o da chi non è più giovanissimo, va fatta iniziando con alcuni piccoli accorgimenti.

Quello dei dolori articolari legati allo sport, è un problema comune negli sportivi. Il rapporto tra articolazioni e sport è infatti molto più stretto di quanto si possa immaginare. Una pratica sportiva fatta con costanza e senza “carichi” eccessivi aiuta le nostre articolazioni. Al contrario, sforzi troppo intensi e ripetuti possono creare traumi articolari e provocare fastidi anche cronici. È il caso ad esempio degli sport più dinamici e da performance come calcio, il tennis o il basket, che andrebbero scelti e praticati con attenzione. Infatti, se per certi aspetti può essere vero che la vita inizia a quarant’anni, nel caso dell’attività fisica, non è esattamente così e non tenerne conto significa esporsi a danni quasi certi a livello articolare e muscolare.

Neppure i più giovani, d’altro canto, possono ritenersi completamente al riparo da strappi, contusioni o distorsioni accidentali né da più subdole ma altrettanto dolorose infiammazioni da sovraccarico. Basta un movimento brusco, un piede in fallo, uno scontro con un compagno o l’insana voglia di strafare per accelerare i tempi dell’allenamento e raggiungere obiettivi inarrivabili. Per trarre dall’attività fisica tutti i possibili benefici senza correre inutili rischi bastano un po’ di cautela e buon senso. Quando, invece, ormai il danno è fatto, esistono accorgimenti pratici e preparati antinfiammatori topici che aiutano a evitare eccessive sofferenze. Ma andiamo per gradi…

I dolori muscolari successivi alla corsa hanno in genere cause e modalità di comparsa diverse. Però, è importante capirne le cause per dimensionare correttamente l’allenamento. C’è il dolore da sforzo, che si verifica durante la prova e riguarda uno o più muscoli. Le cause possono essere un accumulo di acido lattico o l’esaurimento delle scorte energetiche, se è generalizzato alle gambe. C’è il dolore successivo all’allenamento, che compare dopo circa ventiquattro ore dallo sforzo e in genere può protrarsi fino a tre-quattro giorni.

C’è poi la tendinite, che è un processo infiammatorio di uno o più tendini, le robuste strutture anatomiche che connettono i muscoli alle ossa. È solitamente causata da traumi o da un uso intensivo, più raramente da infezioni o malattie autoimmuni, per esempio l’artrite reumatoide. La tendinite si verifica più frequentemente alle spalle, ai gomiti, alle ginocchia, ai polsi e alle caviglie. Può verificarsi all’inserzione del tendine sull’osso, oppure in un punto qualsiasi del decorso del tendine. E può interessare anche la guaina che lo riveste e in questo caso si parla di tenosinovite.

Spesso la tendinite necessita soltanto di un adeguato periodo di riposo per guarire. Il sintomo principale è il dolore nella zona colpita, che può essere accompagnato da gonfiore, più o meno evidente, e aumenta con il movimento. La tendinite può essere legata all’uso eccessivo del tendine, per esempio negli sport che richiedono movimenti ampi e ripetitivi degli arti o in determinate professioni, per esempio suonatori di alcuni strumenti musicali. L’età è un altro fattore di rischio, in quanto con il passare degli anni muscoli e tendini perdono in parte la loro elasticità.

Per non affaticare eccessivamente i nostri muscoli è opportuno effettuare alcuni esercizi specifici per rinforzare alcuni importanti gruppi muscolari, che tuteleranno lo scheletro ed i tendini dagli incidenti più diffusi nelle palestre. È necessario quindi rinforzare la colonna lombo-sacrale, con esercizi di stretching, rotazioni del busto, addominali e lombari. Poi rinforzare le ginocchia, con esercizi stabilizzatori, allenando i muscoli estensori e flessori del ginocchio. Così come i glutei e le spalle stesse.

Ovviamente, esistono molti rimedi naturali per prevenire e curare le patologie di cui abbiamo appena parlato. Quali sono? Le ciliegie, oltre ad essere buone e succose, contengono gli antociani che combattono i radicali liberi prodotti dal corpo dopo l’attività funzionando come agenti antinfiammatori: questo frutto così dolce aumenta l’afflusso del sangue ai muscoli, contrastando quindi i dolori muscolari da sport.

PROMEMORIA > Se hai trovato interessante questo post, potresti voler leggere qualche altro approfondimento sul tema della salute o sui rimedi naturali.

Se non dormi bene, i livelli di cortisolo, l’ormone che può ritardare la ripresa dopo un allenamento, salgono. Per migliorare la qualità del sonno scollegati da qualsiasi dispositivo tecnologico e allontanati dalla cosiddetta luce azzurra che soffoca la melatonina. Non farti mancare le proteine attraverso altri alimenti. Quindi, non solo barrette solubili. Il corpo ha bisogno di magnesio per contrarre i muscoli. Includi nella tua dieta alimenti ricchi di questo minerale.

Lo stretching deve essere mirato: dopo un allenamento, non dedicarti solo allo stretching passivo. La nostra mobilità non è più quella che avevamo da bambini, ecco perché occorre concentrarsi su ogni articolazione del corpo, facendola lavorare, e dedicando a ciascuna il tempo necessario per il defaticamento. La crioterapia, aiuta a riparare eventuali lacerazioni muscolari in caso di allenamenti frequenti. Forse non ci possiamo permettere di riempire ogni giorno la vasca da bagno con del ghiaccio, ma l’acqua fredda costringe i vasi sanguigni, stimolando l’eliminazione di sostanze di scarto, come ad esempio l’acido lattico, presenti nel corpo, e allevia l’intorpidimento muscolare.

Assumi quotidianamente, o almeno nei giorni in cui ti alleni, un cucchiaio di curcuma, in modo da ridurre l’intorpidimento muscolare e il senso di fatica. Basta aggiungerla ai tuoi piatti preferiti o scioglierla in un bicchiere di acqua. Assumi fluidi in modo corretto evita gli infortuni e ti aiuta ad allenarti al meglio. La disidratazione può causare crampi, giramenti di testa, rallenta l’eliminazione dell’acido lattico e rischi di sentirti dolorante. Non dimenticare la vitamina C, o il ginseng, oppure il gingko biloba, ma anche la glucosamina, la condrotina e l’msm. Le creme o i gel a base di radici, fiori e spezie officinali antiossidanti – i più utilizzati sono l’aloe vera, l’arnica montana, l’artiglio del diavolo, la boswellia e l’imperatoria – sono ottimi per alleviare i dolori muscolari da sport.

Sotto la voce “Prodotti consigliati“, che trovi di seguito, ti mostro una selezione di prodotti di qualità che ho fatto per te. Se qualcosa fosse di tuo gradimento, puoi acquistare direttamente e comodamente dal blog al miglior prezzo e con le garanzie e la formula soddisfatti o rimborsati di Amazon.

Prodotti consigliati

Parliamo di una reazione tanto diffusa: orticaria e pomfi. L’orticaria è un’eruzione cutanea, localizzata o generalizzata, caratterizzata dalla comparsa di pomfi – rilievi della pelle che possono presentarsi con un’ampia variabilità di forme, rotondeggianti, ovali o irregolari, di dimensioni che vanno dal puntiforme ad alcuni centimetri di diametro, di colore bianco, rosa o rosso – e dalla presenza di prurito solitamente molto intenso. I pomfi, in genere, scompaiono rapidamente e senza lasciare traccia. Sono più o meno pruriginosi.

Hai capito bene. Le chiazze gonfie, che compaiono soprattutto in estate e sono piuttosto diffuse e frequenti tra i bambini, non hanno bisogno di un trattamento specifico, perché il più delle volte l’eruzione si risolve spontaneamente e in pochi giorni. Esiste una vasta letteratura scientifica che collega un’allergia a farmaci o ad alimenti all’orticaria, ma non è sempre così. Considera che l’orticaria è molto frequente e nella maggior parte dei casi si risolve rapidamente e senza alcun tipo di conseguenza. Sono numerosi i fattori che possono provocarla.

Come accennavo poco prima, nella stragrande maggiorana dei casi, è data da allergie o intolleranze ad alimenti come crostacei, alcuni pesci, fragole, noci, uova, latte, pomodori, cioccolato, nocciole, additivi e coloranti contenuti nei cibi e molto altro. In linea di massima i cibi cotti inducono meno l’insorgenza dell’orticaria rispetto a quelli crudi.

Oltre ai cibi, possono causare orticaria i farmaci come determinati antibiotici, alcuni antinfiammatori e antidolorifici, il contatto con alcuni tessuti, l’inalazione di polveri e pollini, ma anche fattori psicologici come tensione emotiva e stress, stimoli fisici come il caldo, il freddo, il sole, l’affaticamento fisico, l’associazione con infezioni batteriche, virali, micotiche e parassitarie o la correlazione con alcune patologie preesistenti di natura ad esempio endocrina e autoimmunitaria.

È una vera e propria patologia cutanea: infatti si manifesta con un evidente sfogo caratterizzato da pomfi rosati o rossi a livello epidermico molto pruriginosi. Vere e proprie lesioni della pelle che possono rimanere circoscritte in una determinata zona o diffondersi su tutto il corpo e che si sviluppano tipicamente a livello soltanto superficiale. Può capitare, però, che le macchie vadano associate a reazioni edematose degli strati più profondi della cute e del sottocute: angioedema.

Per individuare la causa scatenante dell’orticaria con certezza scientifica è necessario sottoporre la persona colpita dal sintomo (perché, sia chiaro, l’orticaria non è una malattia, bensì solo un sintomo) dalla manifestazione cutanea ad accurati esami di laboratorio e strumentali. Può accadere che non si riesca comunque a risalire alla vera eziologia del disturbo ed in questo caso l’orticaria viene definita “idiopatica”. Sì, in medicina c’è sempre un nome per tutto

Bisogna sempre distinguere tra orticaria acuta e cronica. Nell’orticaria acuta gli episodi durano meno di sei settimane e la causa va ricercata in un’infezione di tipo virale o batterico, contratta anche un paio di settimane prima della comparsa degli sfoghi. L’eruzione cutanea, insomma, si verifica rapidamente, diventa più grave dopo otto-dodici ore e poi si risolve spontaneamente entro un giorno al massimo due.

Di orticaria cronica, invece, si parla quando l’eruzione persiste per un tempo superiore e dipende raramente da una causa allergica. Può capitare anche che i test allergologici evidenzino degli anticorpi prodotti dallo stesso organismo contro i suoi componenti: si tratta in questi casi di una patologia di tipo autoimmunitario, che potrebbe nascondere la presenza di altre malattie di origine autoimmune, come la celiachia.

Quante tipologie di orticaria sono state classificate? Almeno cinque. C’è l’orticaria dermografica che provoca molto prurito e il grattarsi provoca l’ulteriore comparsa di pomfi: inizia improvvisamente ed è una forma di orticaria cronica. C’è l’orticaria colinergica, dovuta a un’eccessiva sudorazione, all’applicazione di medicazioni occlusive, a bagni caldi, a febbre o anche a un momento di ansia o di concentrazione.

Esiste l’orticaria-angioedema da freddo, provocata dalla reazione della pelle a una ridotta temperatura ambientale. L’orticaria da contatto, la “risposta” al contatto di una determinata sostanza con la pelle e può essere di origine allergica o non allergica, come la reazione urticante ad alcune piante o animali o farmaci, e l’orticaria vasculitica, associata all’infiammazione dei vasi sanguigni.

PROMEMORIA > Se hai trovato interessante questo post, potresti voler leggere qualche altro approfondimento sul tema della salute o sui rimedi naturali.

Ma quali sono i rimedi più consigliati per trattare l’orticaria? Naturalmente quando si riesce ad identificare la causa di questa reazione dermatologica, la terapia si basa essenzialmente sull’eliminazione dell’agente scatenante. Quando, invece, ci si trova di fronte ad un’orticaria idiopatica e non è possibile ricorrere ad un trattamento mirato (perché sostanzialmente si brancola nel buio) il paziente deve essere curato con una terapia che risulti efficace nell’alleviare il prurito intenso e fastidioso.

Nella maggioranza dei casi, l’orticaria regredisce spontaneamente, senza bisogno di cure con farmaci. Ci sono casi, tuttavia, in cui la dermatosi può essere più violenta e generare invalidanti attacchi di prurito. Si consiglia di non grattarsi mai, perché sfregando viene favorita la sintesi di istamina, responsabile dei pomfi. Può capitare, inoltre, che in alcuni casi il medico suggerisca una terapia antistaminica o addirittura con cortisonici.

Ci sono tuttavia rimedi naturali efficaci che consentono di alleggerire di molto i sintomi di un’orticaria, soprattutto quando questa è in forma lieve. Tra questi: annoveriamo i bagni di acqua calda o fredda, con bicarbonato di sodio e farina di avena (se non si dispone della farina, va bene anche solo il bicarbonato di sodio), l’aloe vera (il cui gel allevia l’infiammazione e attenua il senso di prurito), gli oli essenziali di lavanda, di camomilla, di sandalo o di melissa, e la vitamina C (un lavaggio con acido ascorbico e bicarbonato di sodio ha un effetto antistaminico, ma anche la normale assunzione ha quasi lo stesso effetto).

In questi casi, si rivelano ottime anche la calendula e il biancospino, grazie alla quercitina, oltre alle radici di liquirizia, zenzero e curcumina. Invece, quando è lo stress la causa dell’orticaria, potresti prendere in considerazione anche l’idea di regalarti momenti di relax con dello yoga o percorsi di respirazione e meditazione. L’alimentazione resta uno degli aspetti più importanti nel caso di orticaria, per cui è bene individuare quanto prima l’alimento al quale si è intolleranti se non allergici, così da poter varia opportunamente la propria dieta.

Sotto la voce “Prodotti consigliati“, che trovi di seguito, ti mostro una selezione di prodotti di qualità che ho fatto per te. Se qualcosa fosse di tuo gradimento, puoi acquistare direttamente e comodamente dal blog al miglior prezzo e con le garanzie e la formula soddisfatti o rimborsati di Amazon.

Prodotti consigliati

Molte donne, ma anche alcuni uomini, mi hanno scritto chiedendomi cosa fare nel caso si venissi toccati in acqua da una medusa. La seconda domanda, ovvia, che molti mi hanno posto è cosa usare di naturale nel caso si entri in contatto con questo esserino tanto carino ma tanto scottante. Se avessi risposto in privato, per quanto comodo, avrei infranto la filosofia del mio blog e in particolare di questa categoria, che è quella di tentare di dare una umile risposta a mali e situazioni comuni. Le domande poste, per quanto possano apparire scontate, sono del tutto azzeccate. Siamo in estate e molte persone nutrono una paura. A volte una vera e propria fobia. Quella per le meduse.

Cominciamo col dire che il mondo marino è popolato da un’enorme varietà di esseri viventi che per sopravvivere all’attacco dei predatori sono stati costretti a sviluppare varie tecniche di difesa come il mimetismo, la presenza di aculei, l’emissione di sostanze urticanti o velenose. Quindi anche le meduse, i ricci e le tracine, organismi marini che popolano in nostri mari, per sopravvivere sono obbligati ad attivare dei sistemi di difesa, a partire dal momento in in cui si imbattono in un altro pesce, un cane, un bagnante. In ogni caso, qualunque cosa sia è considerato un potenziale aggressore. Un po’ come la logica del predatore nei lupi, nei cinghiali, negli orsi… Insomma, nella natura in genere. Si pensi anche solo alle piante carnivore.

Appartenente ai celenterati, la medusa ha il corpo a forma di ombrello al centro del quale si trova un lungo prolungamento su cui si apre la bocca. Il margine dell’ombrello è provvisto di tentacoli su cui sono situati degli organuli urticanti, chiamati nematocisti, contenenti delle tossine che vengono liberate nel momento in cui avviene il contatto con l’eventuale preda o il potenziale predatore. La tossina prodotta dalla medusa penetra la superficie cutanea del bagnante provocando dolore immediato e acuto e una reazione simile all’orticaria più o meno intensa a seconda della quantità di superficie corporea esposta al contatto, della grandezza e della tossicità del tipo di medusa, dalla quantità di tossina assorbita, eccetera.

Per alleviare i sintomi della reazione locale provocata dalla medusa può essere utile applicare nell’immediato della sabbia calda, ma senza in alcun modo senza frizionare, e successivamente detergere la parte con acqua salata tiepida. Quindi, applicare delle garze imbevute di acqua tiepida e aceto al cinquanta per cento. Si sconsiglia assolutamente l’uso di alcol, che al contrario potrebbe facilitare l’apertura delle nematocisti e si raccomanda di non usare né acqua dolce né ghiaccio, al di là di ciò che si potrebbe pensare. Tra l’altro, a differenza di ciò che accade per il prurito causato dalla puntura di zanzara, non esiste alcuna indicazione concreta per quel che riguarda l’uso dell’ammoniaca.

Medusa, riccio e tracina: cosa fare?

Una tipica ustione da medusa.

È importante non grattare le lesioni, proprio per impedire alla tossina di entrare in circolo più velocemente. La dermatite da medusa deve essere poi trattata per alcuni giorni con la terapia che, com’è giusto che sia, un medico riterrà più idonea e che di solito prevede l’applicazione di pomate a base di corticosteroidi e la somministrazione di antistaminici, o l’abbinamento degli antistaminici a pomate a base di arnica o di aloe e ad unguenti anti-infiammatori, come ad esempio l’olio di tea tree.

Non dimenticare che in mare ci sono anche i ricci, animali appartenenti agli echinodermi dal corpo globoso rivestito da un esoscheletro rigido provvisto di aculei mobili che servono per la locomozione e per la difesa. Come ben saprai, anche senza averla mai direttamente provata sulla tua pelle, la puntura del riccio di mare può causare bruciore e dolore anche intensi. Gli aculei sono fragili e frequentemente si spezzano all’interno della pelle e, in questo caso, dopo aver disinfettato la parte, sarà necessario estrarre la spina dalla cute con una pinzetta.

Non scavare intorno alle spine nel tentativo di rimuoverle: ti assicuro che ciò renderebbe più difficoltosa la sua rimozione. La lesione guarisce rapidamente ma nel caso in cui dovesse subentrare un’infezione potreste sentirvi consigliare una terapia antibiotica, anche solo locale. Saprete certamente decidere e fare la scelta giusta. Però, se si riuscisse a prevenire le punture da riccio di mare quando si cammina sulla spiaggia o sugli scogli, o quando si entra in acqua per concedersi un piacevole bagno, potrebbe essere utile usare delle scarpe di gomma.

PROMEMORIA > Se hai trovato interessante questo post, potresti voler leggere qualche altro approfondimento sul tema della salute o sui rimedi naturali.

Infine, prima di lasciarti andare a fare il bagno, visto che io non so dove sei e con che animali marini potresti potenzialmente entrare in contatto, vorrei darti due consigli anche sulle tracine. E sì, a riva ci sono anche quelle. Sono pesci dal corpo allungato che vivono infossati nei fondali sabbiosi lasciando visibile solamente la testa e la prima pinna dorsale, che purtroppo per noi e per fortuna per loro è provvista di spine lunghe e pungenti. Quando la tracina percepisce un pericolo, la pinna e le sue spine vengono erette in posizione verticale pronte a pungere il potenziale aggressore e ad iniettare la sostanza contenuta nelle ghiandole velenifere poste alla base delle spine stesse.

La puntura della tracina provoca un dolore davvero intenso, ben superiore al tocco della medusa o alla puntura di un riccio. La parte colpita si arrossa subito, sembra tumefatta. A volte possono verificarsi sintomi come tachicardia, difficoltà di respirazione, nausea, difficoltà di movimento dell’arto colpito. Il veleno inoculato dalla tracina è termolabile per cui, la parte colpita, deve essere immersa tempestivamente in acqua molto calda. Solo così si riuscirà a disattivare la tossina inoculata. Dopo questo primo intervento, deve essere sempre il medico a prescrivere il corretto trattamento che ritiene più idoneo per risolvere il caso specifico. Anche in questo caso per prevenire spiacevoli incidenti potrebbe essere utile indossare delle scarpe di gomma. Prevenire è meglio che curare.

Sotto la voce “Prodotti consigliati“, che trovi di seguito, ti mostro una selezione di prodotti di qualità che ho fatto per te. Se qualcosa fosse di tuo gradimento, puoi acquistare direttamente e comodamente dal blog al miglior prezzo e con le garanzie e la formula soddisfatti o rimborsati di Amazon.

Prodotti consigliati