Siamo circondati da troppi veleni

Siamo circondati da troppi veleni

Sì, è proprio così: siamo circondati da troppi veleni. Però, spesso per paura, preferiamo non pensare a tutti i veleni che ci circondano e che, sicuramente, hanno fatto sì che il cancro diventasse il male del secolo. Più serial killer dell’aids. Non abbiate timore di scoprire cosa vi circonda. Aprite gli occhi. Guardatevi intorno. Come conseguenza di una scelta di onestà intellettuale fatta molti anni fa, mi sono tagliato fuori da un sistema di informazione che le notizie le produce con lo stampino. Fateci caso. In base ai periodi dell’anno si parla quasi sempre delle stesse cose: terra dei fuochi, navi dei veleni, rifiuti tossici, tumori a Taranto e veleni sull’Ilva, amianto nostrano e indiano, città inquinate (a turno se la passano Torino, Milano, Genova, Roma, Napoli, Bari…), falde acquifere contaminate e molto altro.

Sempre più spesso ci vengo sbattuti in faccia casi all’apparenza irrisolvibili, più grandi di noi. Perché? Probabilmente per farci vivere nella rassegnazione e nell’ignoranza. Per spingerci a domandarci devo preoccuparmi di ciò che mangio, se anche l’aria che respiro è avvelenata?”. Il resto, poi, lo fanno le pubblicità, soprattutto televisive. Sì, che devi preoccuparti di quello che mangi. E non solo perché aveva ragione Aristotele nel sostenere che ognuno è il risultato di ciò che mangia. Ma soprattutto, perché la fonte di inquinamento più tossico per noi arriva proprio dal #cibo, poi dall’aria e poi ancora da “compagni” quali smartphone, computer, wifi e molto altro ancora. Adesso, non è che bisogna fuggire in una grotta ad alta quota. Ma sicuramente conoscere uno o più nemici, ci può essere d’aiuto per limitare i danni.

Circondati da veleni in tavola

Pesce. Può contenere metalli pesanti (mercurio) e metalli radioattivi (cesio). Inoltre, è soggetto a trattamenti di conservazione a volte molto tossici.

Carne. Può contenere antibiotici, antiparassitari, anabolizzanti (vietati in EU) che sono tossine di tipo esogeno. Il suo metabolismo produce ammoniaca, putrescina, cadaverina e altre sostanze azotate all’interno del corpo. Anche nella carne ci possono essere micotossine derivanti dalla alimentazione degli animali. Lo Zearalenone è una muffa da fungo che influenza negativamente l’attività ormonale.

Frutta e verdura. Possono contenere residui di sostanze chimiche usate in agricoltura. Il residuo più comune e noto è dato dai nitrati che generano nitriti, che non possono essere eliminati ma si trovano nelle fibre dei prodotti. Questi generano nitrosammine che causano mutazione genetica. Altri residui chimici – antiparassitari, anticrittogamici, erbicidi e diserbanti che derivano dalla coltivazione, conservanti e ormoni derivanti dal ciclo di raccolta e conservazione – possono diventare sinergici tra di loro e con altri inquinanti aumentando stress ossidativo e tossine. Molti prodotti per il trattamento dei vegetali sono sistemici, cioè entrano nelle radici, fusto e foglie e quindi difficili da eliminare completamente.

Latte e formaggi. Tasto dolente. La pastorizzazione altera la struttura delle proteine del latte e può renderle immunogene. Molte persone hanno un deficit di lattasi – l’enzima che serve per metabolizzare il lattosio – e quindi lo zucchero del latte. Per queste persone diventa una tossina. Possono contenere micotossine.

Pasta. Se essiccata troppo in fretta altera la struttura delle proteine del grano rendendole immunogene. Per il resto vedi cereali.

Pane. Se cotto a temperatura troppo elevata può produrre acrilamide, tossina esogena cancerogena. Per il resto vedi cereali.

Pizza. Gli impasti di farine se cotti in forni refrattari ad elevate temperature possono produrre Acrilamide, tossina esogena cancerogena. Per il resto vedi cereali.

Cereali. Possono contenere micotossine prodotti da muffe – aflatossine, cioè tossine dell’Aspergillus Flavus – e altre tossine determinate da processi di cottura o dalla modificazione genetica dei semi (il grano Creso usato in Italia è una modificazione genetica del grano Cappelli e contiene più glutine).

Legumi. Possono contenere micotossine. Contengono (soprattutto fagioli rossi) più di altri alimenti delle lectine che possono comportarsi come inibitori di enzimi e causare danni al metabolismo (agglutinazione dei globuli rossi), specialmente se non cotti adeguatamente. Se secchi si consiglia di lasciarli in ammollo non meno di 48 ore.

Frutta secca. I semi oleosi – arachidi in testa – possono contenere micotossine, funghi e muffe.

Dolci. La quantità di zuccheri semplici (da intendersi non solo lo zucchero bianco o falsamente imbrunito, ma anche pasta, pane, pizza, dolci preparati con farine bianche e patate) aumenta il carico glicemico e di conseguenza il rischio di malattie metaboliche e cronico-degenerative. Da dipendenza.

Acqua. Può contenere metalli pesanti, pesticidi da agricoltura (da falde inquinate), nitrati e ormoni.

Alcolici. In elevate quantità aumenta pericolosamente il carico glicemico. Hanno una forte tossicità epatica e pancreatica e contribuiscono a generare molto ione ammonio che è tossico soprattutto a livello cerebrale. Danno dipendenza. Aumentano la probabilità di patologie cardiovascolari, tumorali e gastroenteriche. Possono portare gravi problemi testicolari e nelle donne in gravidanza gravi danni al feto.

Caffè, the nero… Possono contenere cadmio e nichel insieme ad altri residui chimici derivanti dalla coltivazione. La caffeina può dare dipendenza ed in eccesso essere tossica per il sistema nervoso.

Caffè decaffeinato. Può contenere acetato di metile, diclorometano e cadmio.

Farmaci. Hanno una tossicità (necessaria per il loro buon funzionamento) documentata anche dagli effetti collaterali. Possono causare molte patologie (nuocere gravemente alla salute).
Pentole e posate. Possono rilasciare metalli come nichel e alluminio, ma più spesso rilasciare residui di detersivi.

Imballaggi. In metallo possono essere fonti di alluminio e altri metalli pesanti. Quando sono in carta e cartoni rilasciano collanti e coloranti. Le materie plastiche rilasciano monomeri. La ceramica può rilasciare residui di verniciatura.

Tossica l’aria che si respira

In strada. Sulla strada possiamo respirare le polveri sottili Pm10 sino alle Pm2,5 (da 10 a 2,5 micron) generalmente frutto di combustioni chimiche, quali metalli, solfati, nitrati, ceneri, fibre di amianto, polveri di cemento e carbone. A queste si aggiungono le nano polveri in grado di penetrare direttamente la cellula. Vale la legge che più sono sottili più fanno male. In campagna non si sfugge a questi inquinanti molto sensibili ai venti, ma a questi si aggiungono i prodotti chimici volatili dell’agricoltura che possono avere sinergie tossiche. Sono in aumento gli studi scientifici che mettono in relazione i valori di inquinamento dell’aria e l’insorgere e l’aggravarsi di alcune patologie.

Al lavoro. Sono senza fine gli esempi di intossicazioni professionali sui luoghi di lavoro commesse con le specifiche dei prodotti e delle strutture o impianti. Negli uffici si è soggetti a respirare le sostanze volatili disperse dai materiali di arredo, computer e stampanti.

A casa. La casa può essere luogo di una sommatoria delle caratteristiche esterne dell’aria a quelle interne che individua anche nella presenza di acari (feci di acaro) e di residui volatili dei prodotti da pulizia, e dei prodotti di costruzione (edilizia e mobilio) fonti di vero e proprio inquinamento. A questo si aggiunge talvolta il Radon, un gas radioattivo che può risultare cancerogeno se inalato, in quanto emettitore di particelle alfa. La principale fonte di questo gas risulta essere il terreno (altre fonti possono essere in misura minore i materiali di costruzione, specialmente se di origine vulcanica come il tufo o i graniti e l’acqua), dal quale fuoriesce e si disperde nell’ambiente, accumulandosi in locali chiusi ove diventa pericoloso. Si stima che sia la seconda causa di tumore al polmone dopo il fumo di sigaretta, ed alcuni studi evidenziano sinergie fra le due cause.

Troppi oggetti pericolosi intorno

Indumenti. I trattamenti dei prodotti tessili non garantiscono sempre il fissaggio dei coloranti che possono contenere metalli e composti amminici. Fate attenzione ai prodotti non made in Italy che arrivano da paesi che non seguono le nostre normative.

In ufficio. Sono senza fine gli esempi di intossicazioni professionali sui luoghi di lavoro commesse con le specifiche dei prodotti e delle strutture o impianti. Negli uffici si è soggetti a respirare le sostanze volatili disperse dai materiali di arredo, computer e stampanti. In particolare il toner delle stampanti laser, una polvere finissima che normalmente contiene particelle di carbone, ferro e resina. Inoltre il forno fusore delle stampanti laser emette COV (benzene), formaldeide e ozono durante la sua attività, sostante riconosciute come cancerogene e/o tossiche.

Gioielli. In alcuni casi fonte di nichel e altri metalli.

Tempo libero. La piscina è fonte di cloro. Alcuni hobbies ci portano a contatto con molte sostanze tossiche come colle, vernici… come nel caso del modellismo.

Cura del corpo. Attraverso molti prodotti per la cura del corpo entriamo in contatto con: fenossietanolo (phenoxyethanol) e il glicole dietilenico monoetiletere (ethoxydiglycol). I parabeni, sono una classe di composti organici utilizzati da oltre 50 anni come conservanti nell’industria cosmetica, farmaceutica, e alimentare per le loro proprietà battericide e funghicide. Sono presenti, anche sotto forma dei relativi sali in diverse formulazioni di cosmetici e farmaci sia per uso topico che parenterale. Alcuni parabeni trovano impiego come additivi alimentari. Alcuni ingredienti, contaminati da determinate sostanze, quali ad esempio il cancerogeno 1,4 dioxane, possono concorrere alla formazione di complessi nocivi. In discussione sono soprattutto gli ingredienti che appartengono alle categorie con suffisso Peg, Eth, Oxynol.

PROMEMORIA > Potresti leggere altri approfondimenti nelle categorie salute e rimedi naturali

Circondati da strumenti elettronici

Smartphone, computer… Il cellulare, il computer, i grandi impianti elettrici che creano forti campi magnetici possono creare interferenze con il funzionamento degli organi sino ad antagonizzare alcuni elementi (ad esempio il calcio e il magnesio). L’effetto più preoccupante di questo inquinamento potrebbe essere l’indebolimento dell’effetto barriera dei tessuti cellulari, dall’intestino alla barriera ematoencefalica. Senza dimenticare gli effetti nefasti prodotti dalla dipendenza tecnologica.

Troppo inquinamento visivo

Illuminazione. Forti bagliori continuati, luci ad intermittenza molto forti come in discoteca, l’utilizzo di schermi per giochi e computer possono nuocere alla salute e determinate patologie specifiche.

Immagini. L’eccessiva frequenza di immagini di ogni tipo, soprattutto se continuamente cariche di significati non elaborati, può portare a profondi disagi. I bambini sono i soggetti più esposti a questo bombardamento di immagini-stimolo. Le immagini inquinanti non provengono soltanto dalla televisione. Anche cinema, computer, cartellonistica stradale e certe riviste offrono troppi stimoli visivi che vanno ben oltre la normale capacità di sopportazione della mente umana, senza dare il tempo di adattarsi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Tu cosa ne pensi?