Articoli

Contrasta malattie degenerative: ascorbato di potassio

L’ascorbato di potassio contrasta malattie degenerative. Come si chiama? Ascorbato di potassio. Che già solo a pronunciare questo nome o ad ascoltarlo può sembrare chissà che cosa. Se poi si vanno ad approfondire le componenti, si potrebbe addirittura supporre, da ignoranti, che faccia male. Acido ascorbico unito al bicarbonato di potassio. Sempre da ignoranti si potrebbe pensare: poveri reni… Meglio non rischiare. Meglio assumere ciò che ci consiglia il medico.

Eccolo il più grave errore che commettiamo quando dobbiamo combattere un problema, una malattia, ma anche solo quando dobbiamo prevenirla. Non c’è nulla di più sbagliato del non ascoltare la propria innata diffidenza e mettersi completamente nelle mani di un medico che osanna la medicina tradizionale e scarta con supponenza e per superficialità e interessi personali le altre scienze, come la fitoterapia o la naturopatia, la medicina cinese e quant’altroSiamo esseri umani. Ci consumiamo, ci logoriamo, ma soprattutto ci ossidiamo.

La natura ci mette a disposizione, tra l’altro a buon mercato, dei rimedi che se assunti con regolarità per determinati periodi di tempo vanno a curare tutta una serie di problemi cronici e degenerativi prevenendone altri. Ma siccome questi rimedi non arricchiscono le case farmaceutiche e le grandi multinazionali dell’industria della sanità mondiale, questi rimedi da costo irrisorio anche per un cassintegrato non ci vengono consigliati. Cos’è l’ascorbato di potassio? Enciclopedicamente è il sale potassico dell’acido ascorbico, quest’ultimo noto anche come vitamina C. Si ottiene per soluzione estemporanea a freddo in acqua di una parte di acido ascorbico e due parti di bicarbonato di potassio, i quali devono essere in forma cristallizzata purissima, livello di purezza non inferiore al 97%. Nella preparazione è bene evitare utensili di metallo per prevenire l’ossidazione dell’acido ascorbico.

Prima di iniziare a parlare dei suoi benefici, partiamo dall’unica controindicazione, così da sgombrare il campo da potenziali equivoci. L’alto dosaggio può portare a ipercalemia, solo se si raggiungono i 18 grammi al giorno. Si consideri che tale dosaggio è elevatissimo ed è praticamente inverosimile l’ipotesi di assumerlo accidentalmente. Per il resto, questo fantastico rimedio (ottimo per chi soffre di infiammazioni dell’apparato muscolo scheletrico in generale), è e resta la nostra arma micidiale contro le malattie degenerative.

La Fondazione Internazionale Pantellini, da sempre e mai smentita, sostiene che l’acido ascorbico, che deve essere giornalmente assunto dal nostro organismo con la dieta alimentare. E’ un importante antiossidante ed è indispensabile per la sintesi biologicamente attiva del collagene e dei tessuti connettivi. Inoltre, aumenta l’assorbimento del ferro, contribuisce all’accrescimento delle ossa, migliora la resistenza alle infezioni e potenzia il sistema immunitario. La sua carenza provoca lo scorbuto. Il potassio è un regolatore importantissimo per il metabolismo cellulare. È un cofattore, cioè un elemento che permette il corretto funzionamento di enzimi e proteine intracellulari.

Scorbato di potassio contro le malattie

Questo sale evidenzia una straordinaria azione contro le patologie degenerative e la sua assunzione regolare, anche a livello preventivo, permette un potenziamento delle difese immunitarie. E’ sempre meglio rivolgersi ad un medico o ad un consulente che sia a conoscenza dei protocolli utilizzati, perché i dosaggi sono legati sia all’anamnesi remota della persona (cioè alle informazioni relative alla storia sanitaria della persona e dei propri familiari) che alla valutazione di particolari parametri clinici (emocromo ed elettroliti).

La formula chimica dell’ascorbato di potassio.

L’acido ascorbico ripristina o aiuta a mantenere sana la corretta concentrazione di potassio intracellulare, con ripristino del corretto metabolismo cellulare ed un’inversione di tendenza nella degenerazione stessa – quando presente – perché l’acido ascorbico rappresenta il mezzo di trasporto per il potassio dentro la cellula, ed il composto evidenzia un meccanismo protettivo per le proprie caratteristiche altamente antiossidanti.

Ovviamente, non stiamo parlano di terapie, ma di una metodica di base che agisce sui meccanismi bio-chimico-fisici più elementari del funzionamento cellulare e può essere applicata, con le dovute precauzioni ed accorgimenti, anche con i protocolli standard ospedalieri sia in relazione alla chemioterapia che alla radioterapia. I protocolli con ascorbato di potassio possono favorevolmente essere utilizzati anche in preparazione agli interventi chirurgici (sempre in presenza di patologie degenerative).

PROMEMORIA > Per approfondire la storia del “metodo Pantellini”, impiegato contro determinati tipi di cancro, potresti prendere in considerazione di leggere Pantellini, il caso, il cancro

Quando si parla di ascorbato di potassio, non si può prescindere dal cosiddetto “metodo Pantellini”. Facciamo un attimo un salto indietro nel tempo. Prima che scoppiasse il “caso Di Bella”, il metodo del dottor Gianfranco Valsé Pantellini, nel campo della medicina alternativa, era la terapia contro il cancro più usata e più conosciuta in Italia. Come la maggior parte delle scoperte scientifiche più importanti, anche questa trae origine da un errore fortuito.

Nel 1947, il dottor Pantellini consigliò ad un malato di cancro allo stomaco inoperabile, con prognosi di pochi mesi di vita, di bere limonate con bicarbonato di sodio al fine di calmare i forti dolori. Immaginatevi la sorpresa quando dopo sei mesi il suo problema oncologico regredì al punto di non essere visibile all’indagine radiografica. Cos’era successo ? Il paziente, per errore, non aveva usato il bicarbonato di sodio, ma il bicarbonato di potassio.

La cosa sorprese il dottore, ma gli dette anche l’intuizione per uno studio che avrebbe cambiato la sua vita. Pantellini proseguì le sue ricerche per 40 anni, scoprendo che è la combinazione tra l’acido ascorbico (vitamina c) e il bicarbonato di potassio produce l’ascorbato di potassio, il più potente antiossidante che trattava efficacemente il cancro e molte malattie degenerative ed autoimmuni. Pantellini ha sperimentato che la somministrazione di ascorbato di potassio, che non provoca effetti collaterali indesiderati, ha in dosaggi diversi, un’azione preventiva e curativa nei riguardi del cancro. Lo scienziato ha trattato con successo malattie autoimmuni da virus dipendenti e, tra queste, la sclerosi multipla.

Il rimedio messo a punto dalla Fondazione Pantellini, in casa propria, si prepara con semplicissimi ingredienti: succo di limone, acido ascorbico e bicarbonato di potassio. Uno o due limoni freschi (un limone contiene dai 45 ai 75 milligrammi per 100 millilitri di succo, un limone grosso di circa 250 grammi contiene circa 90 millilitri di succo), bicarbonato potassio (circa la punta di un cucchiaino che non sia di ferro, 300 milligrammi) e 150 milligrammi di vitamina C.

Si presume che il limone sia maggiormente efficace della sola vitamina C. Si può aggiungere ghiaccio o zucchero (meglio se di canna) a piacere. Fare la spremuta del succo di limone, aggiungere almeno due dita di acqua fredda (circa 200 millilitri) e una punta di cucchiaino di bicarbonato di potassio (K). Agitare bene con un cucchiaino che non sia di ferro per circa un minuto. Fare la spremuta del succo di limone, aggiungere almeno due dita di acqua fredda (circa 200 millilitri) e una punta di cucchiaino di bicarbonato di potassio (K).

Agitare bene con un cucchiaino per circa un minuto. Il bicarbonato potassio è un integratore fatto per due terzi di bicarbonato e per un terzo di potassio. Il Ministero della Salute lo “inquadra” come integratore alimentare. Si trova in farmacia e erboristeria al costo medio di 5 euro per 100 grammi. Il chilo è disponibile alle volte solo in farmacia a 20 euro con richiesta medica su foglio bianco. Importante ricordare che per conservare bene il bicarbonato potassio, è necessario tenerlo lontano dall’umido e dalla luce, pertanto si consiglia di travasare una modica quantità (un cucchiaino) in una bustina per alimenti da riporre poi in un barattolino da cui attingere di volta in volta.

PROMEMORIA > Potresti leggere altri approfondimenti nelle categorie salute e rimedi naturali

Come usare l’ascorbato di potassio

Abbiamo detto che l’ascorbato di potassio può essere d’aiuto per tutte le malattie degenerative e in particolar modo per quelle a carico dell’apparato muscolo-scheletrico. Approfondiamo un attimo anche questo concetto, prima di concludere. Fit For Work Italia spiega che i disturbi muscolo-scheletrici si sviluppano quando la capacità fisica di muscoli, tendini, articolazioni non è in equilibrio con le forze che agiscono sul corpo. Le cause possono essere esterne, ovvero traumi acuti, fratture, lacerazioni, contusioni, erniazioni.

Prevalentemente però sono disordini cumulativi, risultano cioè dall’esposizione ripetuta a forze esterne o carichi di alta o bassa intensità che, con il tempo, alterano gli equilibri. Queste patologie sono le più comuni e colpiscono tutte le età e gruppi razziali, provocando disabilità e spesso handicap. La definizione di disturbi muscolo-scheletrici è generica perché comprende una varietà di differenti malattie che provocano dolore o sensazione di fastidio nelle ossa, articolazioni, muscoli o strutture circostanti.

Nonostante la definizione generica, è possibile individuare tre gruppi principali: lombalgia, malattie degli arti superiori di origine occupazionale, patologie autoimmuni (malattie reumatiche). Queste ultime sono patologie specifiche e progressive non causate dal lavoro ma che possono essere da esso aggravate. Esse sono spesso trattate dai medici di medicina generale e da specialisti, al di fuori della sfera di competenza della medicina della del lavoro. Se non correttamente diagnosticate e trattate, possono avere un impatto significativo sulla capacità funzionale lavorativa e, a lungo termine, sull’inclusione nel mercato del lavoro.

Consigliati da Amazon

Amara verità sul cloruro di magnesio

Vuoi sapere di questa amara verità sul cloruro di magnesio? A livello di quantità, il magnesio è il quarto tra i minerali presenti nel nostro organismo. Risulta assolutamente essenziale per la nostra salute. La carenza causa problemi e malattie. Per comprendere a fondo la sua importanza, dobbiamo tenere conto che quasi la metà del magnesio contenuto nel nostro corpo si trova nelle ossa, l’altra metà si trova nelle cellule che compongono i tessuti e gli organi e appena l’1% si trova nel sangue. Per questo motivo, il magnesio è necessario per trecentoventi reazioni biochimiche che avvengono nel nostro organismo.

Per fare alcuni esempi: rafforza il tessuto osseo, regola il battito cardiaco, mantiene sano il sistema immunitario, stimola la normale funzionalità muscolare e nervosa, contribuisce alla regolazione dei livelli di glucosio nel sangue, è coinvolto nel metabolismo dell’energia e nella sintesi delle proteine, normalizza la pressione sanguigna. Normalmente, il magnesio introdotto mediante alimentazione viene assorbito nell’intestino tenue ed eliminato attraverso i reni.

Assumere questo minerale, quindi, ci fa bene? Eccome se ci fa bene. Non a caso, in medicina generale, in naturopatia e in fitoterapia se ne fa largo uso. Ma ovviamente con buonsenso e dopo averne parlato preventivamente col proprio medico curante. Sia chiaro: c’è magnesio e magnesio… I più usati sono due: il cloruro di magnesio e il magnesio citrato. Il cloruro di magnesio è formato da una molecola di magnesio e due di cloro, insieme a sei molecole d’acqua. E’ altamente biodisponibile, quindi il corpo riesce ad assorbirne una grande quantità.

Il magnesio citrato in Italia si trova con il marchio registrato Magnesio Supremo ed è una tipologia con una buona biodisponibilità. Racchiude il 16% del magnesio elementare ed è assorbito meglio del magnesio ossido, quindi potrebbe essere adatto per alcalinizzare le urine e il corpo. In natura, esistono diversi tipi di magnesio. Il pidolato di magnesio è un sale organico in cui il magnesio è legato all’acido pidolico. Questa formulazione favorisce l’ingresso del minerale all’interno della cellula, garantendo un assorbimento veloce così da reintegrare rapidamente la concentrazione fisiologica di magnesio.

Il magnesio glicerofosfato, rispetto ad altre forme di magnesio, viene veicolato più facilmente a livello delle terminazioni nervose e nelle cellule del sistema nervoso, attraversando senza difficoltà le membrane cellulari ed entrando velocemente in quei processi che portano alla produzione di energia (ciclo di Krebs). Il bisglicinato di magnesio è una forma di magnesio chelato in cui il l’elemento è legato a due molecole di glicina. Magnesio lattato o organico è adatto per nutrire la pelle in quanto contiene calcio e magnesio, possiede un’ottima assorbibilità, è adatto per i bruciori di stomaco e per i crampi muscolari. Il magnesio ossido ha una forte azione lassativa in quanto produce ossigeno a livello intestinale. Non consiglio di utilizzarlo come lassativo per lungo tempo, ma sicuramente è adatto a fare la pulizia intestinale.

Il magnesio carbonato ha una bassissima biodisponibilità per l’organismo umano, viene utilizzato prevalentemente come antiacido. C’è poi il magnesio solfato che viene chiamato anchesale inglese” e viene utilizzato come purgante. Invece,  Il magnesio taurato è la migliore forma di magnesio per le persone con problemi cardiovascolari, poiché è noto per prevenire aritmie e proteggere il cuore dai danni causati dagli attacchi di cuore.

Il maltato di magnesio è la scelta perfetta per chi soffre di stanchezza, dal momento che l’acido malico è una componente essenziale di enzimi che svolgono un ruolo chiave nella produzione di energia. Infine, il magnesio citrato è l’integratore di magnesio più popolare, probabilmente perché ha un ottimo sapore, non ha un costo eccessivo ed è di facile assorbimento. Poiché l’acido citrico è un lassativo, il magnesio citrato è efficace soprattutto nei casi di stitichezza e depurazione intestinale.

Ma come possiamo fare ad accorgerci della eventuale carenza di questo importantissimo minerale? I primi sintomi della carenza di magnesio sono la nausea, la perdita di appetito, l’affaticamento e la debolezza cronica e il vomito. E la carenza di magnesio peggiora si può incorrere in sensazione di intorpidimento e pizzicore, crampi e contrazioni muscolari, convulsioni, modifiche della personalità (i cambiamenti improvvisi del comportamento possono essere causati dall’eccessiva attività elettrica del cervello), anomalie del battito cardiaco e spasmi coronarici.

Cloruro di Magnesio: amaro ma efficace

Gli integratori di questo minerale sono indicati per tutti coloro che fanno abuso di alcool (i livelli di magnesio rimangono bassi per una percentuale di persone alcoolizzate), ma anche per chi soffre di problemi cronici di malassorbimento (morbo di Crohn, celiachia, enterite regionale…). Premesso che sarebbe preferibile assumere questa sostanza attraverso una corretta dieta, va detto che il magnesio cloruro è il più biodigeribile dei diversi tipi di magnesio rintracciabili in natura, oppure sugli scaffali di farmacie (vere e proprie sedi per manager delle multinazionali del farmaco) ed erboristerie.

Aiuta a guarire dal becco di pappagallo, da problemi al nervo sciatico, da dolori e infiammazioni alla colonna vertebrale. Col tempo può alleviare anche dolori da calcificazioni. Funziona, ovviamente, per tutti i dolori causati da carenza di magnesio trascurata, fino all’artrosi. Il tutto in modo naturale, indolore, semplice ed estremamente economico. Una domanda frequente è: ci sono persone più esposte? La risposta è: certo che sì. Le persone che vivono in città e che hanno un’alimentazione disordinata con bassa qualità, cibi sofisticati e confezionati, sono le più esposte a questo tipo di silenziosa ma dannosa carenza.

Chi vive in campagna ne soffre di meno. Il cloruro di magnesio, come il magnesio in generale, non crea dipendenza, anche se alla sospensione se ne perdono in breve tempo i benefici. Non si potrà mai completamente sfuggire a tutte le malattie, ai dolori e al naturale decadimento dell’organismo, ma l’avanzare inesorabile del tempo sarà attenuato. Non si tratta di una medicina, bensì di un alimento senza alcuna contro indicazione. E’ compatibile con qualsiasi cura farmacologia in corso.

Le verdure a foglia verde, come gli spinaci, sono una buona fonte di magnesio. Il centro della molecola della clorofilla contiene questo minerale. Anche fagioli e piselli, alcuni tipi di frutta a guscio, i semi e i cereali integrali ne contengono quantità importanti: i cereali non integrali, invece, hanno un contenuto scarso, perché quando la farina bianca viene raffinata e trattata, la crusca e il germe (le parti ricche di magnesio) vengono rimosse. Il pane di farina integrale contiene più magnesio di quello prodotto con farina bianca raffinata. L’acqua del rubinetto può essere una buona fonte di magnesio, ma la quantità di minerale contenuta varia a seconda della sorgente.

PROMEMORIA > Potresti leggere altri approfondimenti nelle categorie salute e rimedi naturali

Per completezza di informazione va detto che il magnesio cloruro ha numerosissime applicazioni. La più importante è come materiale di partenza per la produzione di magnesio metallico per via elettrolitica ad alta temperatura. E’ usato anche nella manifattura di tessuti, carta, materiali ignifughi e cementi. Mescolato con ossido di magnesio, forma il cemento magnesicico. Viene inoltre usato come agente flocculante nel trattamento delle acque.

Nell’industria alimentare è usato come regolatore di acidità, agente rassodante, esaltatore di sapidità e anti-agglomerante. Nell’Unione europea è l’additivo alimentare E511, senza limiti di utilizzo sia negli alimenti che nell’agricoltura biologica. Viene utilizzato anche nell’industria farmaceutica e cosmetica. Può essere utilizzato come coagulante nella preparazione del tofu. Sotto forma di integratore alimentare si trova in tutte le farmacie e costa intorno ad 1,30 euro per bustina da 33 grammi.

Come assumerlo? Si consiglia di sciogliere in una bottiglia di vetro (non di plastica) da 1 litro i 33 grammi di magnesio cloruro. Agitare il tutto e conservare in frigo (così da stemperare il sapore leggermente amarognolo). In genere, salvo differenti consigli, si assume l’equivalente di una tazza da caffè al mattino, a stomaco vuoto e badando bene di non consumare nulla nei 15 minuti successivi all’assunzione. Per periodi limitati si può arrivare ad assumere una dose al mattino e una alla sera, prima di andare a dormire, o tre dosi al giorno. Ecco l’amara verità sul cloruro di magnesio.

Consigliati da Amazon