Vizi e virtù del porno contemporaneo

Vizi e virtù del porno contemporaneo

Vizi e virtù del porno contemporaneo in un libro. Un’opera che, come si suol dire, parte in quarta. Altro che “Cento colpi di spazzola” o “Cinquanta sfumature di rosso”. “Pornage” è un viaggio letterario nei segreti e nelle ossessioni del sesso contemporaneo a cura di Barbara Costa e pubblicato da Il Saggiatore. Che cos’è il sesso, oggi? Cos’è la libertà? Adulti che si eccitano pagando per essere trattati come bambini, mangiare omogeneizzati e giocare col pongo in finti asili appositamente creati. Video porno di anziani ultrasettantenni i cui amplessi vengono visualizzati in rete da milioni di utenti entusiasti.

Transgender, lesbiche e donne che si fingono uomini nei panni di drag queen. Mai come ai giorni nostri la sessualità è stata tanto libera, complessa e variegata. Barbara Costa spalanca le porte di un mondo – quello del sesso e della sessualità contemporanei – fatto di passioni e segreti inconfessabili, di perversioni al di là di ogni immaginazione e godimenti un tempo impensabili: un universo in cui la tecnologia più all’avanguardia si unisce alla perversione più raffinata e le sperimentazioni in camera da letto aprono la strada al cambiamento sociale.

In queste pagine il porno diventa una lente di ingrandimento deformata attraverso cui guardare il presente, lo specchio osceno in cui la collettività si riflette e dalle cui immagini viene a sua volta plasmata. Risultato: dentro al porno ci siamo tutti. Gaudenti e bacchettoni, adolescenti e attempati, single e fidanzati. È il video hot che teniamo in sottofondo mentre scriviamo una mail al capo. È il messaggio sexy che ci compare sullo schermo del telefono alla fine di un appuntamento noioso. È il brivido che ci attraversa in metropolitana immaginandoci avvinghiati allo sconosciuto seduto davanti a noi.

Ma è anche l’adulto che si eccita pagando per essere trattato come un bambino, mangiare omogeneizzati e giocare col pongo, o il filmato a luci rosse di un ultrasettantenne i cui amplessi vengono visualizzati in rete da milioni di utenti entusiasti. Con “Pornage”, Barbara Costa ci spalanca le porte del sesso contemporaneo: un universo in cui la tecnologia più all’avanguardia si unisce alla perversione più raffinata e le sperimentazioni in camera da letto aprono la strada al cambiamento sociale. In queste pagine il porno diventa una lente di ingrandimento attraverso la quale guardare il presente, lo specchio osceno in cui la collettività si riflette e dalle cui immagini viene a sua volta plasmata.

Come nella inedita cartina geografica dell’Italia ricavata dai risultati delle ricerche su Pornhub regione per regione, o in quella che mostra la diffusione dei nuovi modelli di famiglia nati dal poliamore e dal superamento delle identità di genere. Pornage è un racconto in cui si mescolano l’alto e il basso, la fisicità delle escort e la “pura utopia” – come la definisce Giampiero Mughini nella sua prefazione – delle fantasie pornografiche. Un’opera che delinea il mondo che abitiamo e quello che abiteremo. Perché nei porno in virtual reality possiamo godere dei nostri sogni di onnipotenza futuri e le sex realdolls di oggi, obbedienti robot del sesso dotate di intelligenza artificiale, sono già gli ibridi uomo-macchina di domani.

PROMEMORIA > Ti è piaciuta la recensione? Leggi le altre recensioni

Pornage: cosa pensa Giampiero Mughini

“Sono così felice che Barbara abbia finalmente scritto questo libro, talmente leale, talmente informato, talmente sacrosanto quanto ai criteri di libertà e creatività sessuale da cui è modellato. E del resto, da quando la conosco sempre ho apprezzato la facilità con cui lei scorrazza lungo le strade in salita e in discesa dell’universo porno. Facciamo parte entrambi degli 80 milioni di esseri umani che ogni giorno smanettano su Pornhub”, ha detto Giampiero Mughini alla presentazione.

Poi, Mughini ha aggiunto, anzi ha confessato: Talvolta ero io che le indicavo una star di cui fossero ragguardevoli i languori. Talaltra era lei. Bisessuale com’è, né più né meno di un’altra mia amica e scrittrice notissima, il ventaglio delle sue fantasie è a 360 gradi. Bellissimo quel suo riferimento allo scrittore cubano Reinaldo Arenas, uno che nei suoi libri ci mette il massimo di spudoratezze omosex pur di dare un calcio in volto al perbenismo ipocrita del regime castrista”.

“E con tutto questo, nell’andare avanti a leggere il suo libro, ho scoperto qualcosa di me che non mi ero mai detto sino in fondo. Ci arrivo piano piano. Passo per uno che dà un giudizio positivo della pornografia. Certo che sì. Se uno non è un fior di ipocrita, a vedere una bella ragazza che dà in smanie da quanto un uomo la sta lavorando dalla testa ai piedi, deve ammettere che trova lo spettacolo eccitante, che vorrebbe essere eccome al posto di James Deen o dell’immortale Gabriel Pontello, il più smagliante professore di matematica nella storia dell’umanità. Quando poco più che trentenne compravo all’edicola il suo “Supersex”, lo avvolgevo dentro le copie di “Rinascita” o del “Corriere della Sera” o dell’ “Espresso” perché temevo di incontrare il mio amico Paolo Spriano (lo storico per antonomasia del Pci,) che lavorava all’Istituto Gramsci lì dietro l’angolo”.

Il Mughini “senza-peli-sulla-lingua” che siamo abituati a conoscere aggiunge: “Così come ero poco più che ventenne quando arrivavo all’edicola catanese di Piazza Duomo e l’edicolante tirava fuori la copia di “Playboy” che gli portava un pilota dell’Alitalia che volava frequentemente sino a Stoccolma. Sono stato il primo giornalista italiano a dedicare a Riccardo Schicchi il ritratto che meritava, quello di un intellettuale che esplorava continenti inediti dello stare al mondo, quelli dove risiedono il desiderio e l’eccitabilità. Nel mio Dizionario sentimentale del 1992 c’è un capitolo che fa l’apologia della “fellatio”, un capitolo che molti miei amici apprezzarono ma che nessuno di loro avrebbe scritto”.

Acquista

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Tu cosa ne pensi?